Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Fotografare le Tre Cime di Lavaredo

on Domenica, 08 Ottobre 2017. Posted in Fotografia, Montagna Visite: 970

5.0/5 rating (5 votes)

Le Tre Cime di Lavaredo sono l'icona delle Dolomiti con la loro strapiombante e stupenda parete Nord. E' difficile trovare un luogo di pari fascino e per questo sono molto frequentate. In questa guida vedremo come organizzarsi per fotografarle, scegliere il percorso e l'orario migliore nonchè evitare la ressa che affolla questi spettacolari luoghi.

 

02 Rifugio Locatelli

Il percorso. Ci sono diversi accessi. I più escursionistici sono quello che parte dalla Malga Rinbianco (Dislivello 650m) che abbiamo già descritto nell'escursione "Anello delle Tre Cime di Lavaredo" oppure quello che parte dalla Val Fiscalina (Dislivello 950m). Questi sentieri hanno il pregio di far evitare il fastidioso pedaggio (25€ nei mesi di apertura del Rifugio Auronzo, libero negli altri mesi ma praticabile solo se la strada è priva di neve) che consente di arrivare in auto sino al parcheggio nei pressi del Rifugio Auronzo. Con il peso dell'attrezzatura fotografica che dobbiamo portare con noi per realizzare delle immagini impeccabili, quest'ultima è la soluzione consigliabile anche se costosa. 

Il Rifugio Auronzo alla partenzaDal Rifugio Auronzo si procede sull'evidente stradina che costeggia il versante sud delle Tre Cime di Lavaredo e porta dapprima alla Cappella degli Alpini e poi al Rifugio Lavaredo. Da qui si sale sino in Forcella Lavaredo dalla quale si apre il panorama sulle pareti nord delle Tre Cime. Siamo già in vista della nostra meta; il Rifugio Locatelli che è raggiungibile dal comodo sentiero basso, oppure dal più scenografico e complicato sentiero alto. Quest'ultimo passa proprio sotto le pendici del Monte Paterno e consente anche di fotografare le Tre Cime da una delle finestre nelle trincee scavate durante la prima guerra mondiale. Dal Rifugio Locatelli la vista è spettacolare ed è consigliabile scendere verso la Val Fiscalina per scattare qualche foto ai bellissimi Laghi dei Piani.

Quando andare. Il periodo migliore è senza dubbio quello estivo. Bisogna attendere lo scioglimento delle nevi per avere un più comodo accesso al Rifugio Locatelli, senza ombra di dubbio la posizione perfetta per poter ammirare e fotografare le Tre Cime di Lavaredo in tutto il loro splendore. Noi ci siamo andati in ottobre, ma i mesi con le ore di luce più lunghe sono senza dubbio preferibili in quanto il sole tramonta dopo e molto più verso nord ovest illuminando in maniera più diretta le scenografiche pareti nord. Il momento migliore della giornata  è il tramonto quando i colori mutano donando al paesaggio un’atmosfera ancor più emozionante. Per la fotografia, compatibilmente con le possibilità, è meglio organizzarsi in modo da evitare le giornate di sole pieno. I paesaggi, si sa, con le nuvole sono più incisivi. Perciò non spaventatevi se all'arrivo al Rifugio Auronzo trovate il cielo molto coperto, in montagna spesso con il calare del sole le nuvole si dissolvono. 

14 Tramonto tre cime Lavaredo

Se il Rifugio Locatelli è aperto potrete avere un riparo dal freddo per attendere il buio e fotografare il paesaggio notturno da uno dei cieli più scuri d'Italia. Tra fine luglio ed i primi di Agosto la Via Lattea si tuffa poco dopo il tramonto proprio dietro alle Tre Cime di Lavaredo, regalandovi la possibilità di fotografie spettacolari. 

Consigli.  Nelle ore serali è fondamentale vestirsi molto. Sarà inoltre indispensabile una lampada frontale, soprattutto se non dormirete in rifugio e vorrete rientrare per il sentiero dell'andata dove sarete completamente al buio. Per la fotografia invece sono d'obbligo il treppiede ed un grandangolo. Il classico 24/70 per le Tre Cime è sufficiente, mentre se volete fotografie a più largo campo, includendo la Forcella Lavaredo e il Monte Paterno, meglio un grandangolare più spinto.

 

Autore

Omar Cauz

Leave a comment

You are commenting as guest. Optional login below.