Aspettando la neve in Val Cimoliana

on Martedì, 22 Novembre 2011. Posted in Montagna Visite: 3614

Trekking improvvisato tra le Dolomiti Friulane.

4.5/5 di voti (2 voti)

Doveva essere un'altra salita sul ghiacciaio della Marmolada, questa volta per testare, grazie alla disponibilità di Renzo, i Movement Bond, ma viste le condizioni non ottimali della neve decidiamo in serata di cambiare destinazione, così "ripieghiamo" per un trekking fotografico in Val Cimoliana.

Domenica 20 novembre 2011, è già autunno inoltrato, sono le 6.30 del mattino quando con l'auto esco dall'ultima delle gallerie che portano a Barcis, e con mio stupore noto che le cime sono imbiancate. Ecco, sono partito solamente con le Sportiva Raptor, gli scarponi riposano tranquilli in cantina... e con la neve in alto non è il massimo.

L'appuntamento è con Renzo in piazza a Claut, veloce colazione, sfoggio da parte sua della collezione di materiali nuovi da testare, poi partiamo per Pian Meluzzo dove per primi lasciamo l'auto in parcheggio. La prima parte del percorso è piuttosto noiosa, bisogna risalire il greto del torrente Cimoliana, un tratto tra ghiaie quasi pianeggiante, poi in prossimità del Cason dei Pecoli, finalmente si imbocca il sentiero CAI361. Il freddo è pungente, e oltretutto il sole è ancora basso e per un bel po' non ne vorrà sapere di venire a scaldarci, però finalmente con lo sforzo della salita, si inizia a stare meglio. 04 Cima_Laste_Preti Alle nostre spalle fa bella mostra di se il gruppo dei Preti con cima Laste già coperta dalla neve. In breve giungiamo a Casera Valmenon, che nel periodo estivo è gestita, mentre ora troviamo aperta solo la piccola costruzione al lato. Riprendiamo a salire, e raggiungiamo il Camporos, un circo glaciale, che è anche uno degli angoli più belli del parco. Anche se il periodo migliore per questo luogo è la primavera, quando i prati sono in fiore, visto a fine novembre con la Forcella Val di Brica già imbiancata e La Fantulina che le fa da guardia poco a sinistra,  lo spettacolo è sempre grandioso. 15 Casone_CamporosCi soffermiamo a scattare un po' di fotografie nei pressi del Casone Camporos, che a dispetto del nome è un piccolo riparo da utilizzare solo in caso di stretta necessità, poi facciamo una piccola deviazione sino al Passo Lavinal, e riprendiamo la salita per la Forcella Val di Brica, il versante in ombra è ricoperto dapprima dalla Galaverna, poi da qualche centimetro di neve che nonostante le preoccupazioni iniziali non creano problemi alle mie scarpe da trail running. Bellissima la Fantulina, sembra propio una donna prosperosa in controluce che fa da guardia agli escursionisti che si avventurano da queste parti. 24 Cima_ValmenonIn forcella propongo a Renzo di proseguire sino alla Cima Valmenon, c'è una traccia calpestata sul versante nord, e un'altra sul versante sud. Decidiamo di proseguire verso sud, riscaldati dal sole, aggiriamo uno spuntone roccioso, poi incontriamo un breve passaggio dove bisogna aiutarsi con le mani ed appendersi ai mughi. Da qui raggiunta la dorsale si risale dapprima all'anticima e poi alla Cima. Il paesaggio è fantastico, si riescono a vedere persino le 3 Cime di Lavaredo, poi il filo di cresta che abbimo appena percorso, con il versante nord ricoperto da qualche centimetro di neve, ed il versante sud erboso, rendono il tutto ancora più spettacolare. Qui le foto si sprecano, e anche le idee per l'inverno che deve venire. Questo sarebbe infatti un facile itinerario di scialpinismo, dal Campoross, si potrebbe scegliere più di una salita, e con l'esposizione in tutti i versanti. L'unico problema è la difficoltà ad arrivare almeno fino a Pian di Meluzzo, una dormita in casera in questo caso è d'obbligo. Dalla cima scendiamo direttamente per prati, alla Val Di Brica sino ad incrociare il sentiero CAI369

50 Cason_Di_Brica

La Val di Brica è molto più stretta della Valmenon, e gli scorci che si possono godere da qui, non sono altrettanto belli. Ci fermiamo un'ultima volta al Cason di Brica, e poi si scende velocemente il lunghissimo e noioso sentiero sino al fondovalle. 

Giornata prodiga di idee, che sarebbe bello in un futuro prossimo realizzare... 

 

Autore

Omar Cauz

Commenti (2)

  • Riccardo

    Riccardo

    22 Novembre 2011 at 22:02 |
    Complimenti per il sito e molto bella l'escursione, il tratto val di brica e relativo cason mi mancano.
    Ciao Ric
  • sentieridimontagna

    sentieridimontagna

    23 Novembre 2011 at 18:50 |
    Ciao Ric, grazie per i complimenti!
    Comunque la Val Postegae è molto più bella della Val Di Brica.

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.