Val Travenanzes alta e gallerie del Lagazuoi

on Lunedì, 04 Giugno 2012. Posted in Montagna Visite: 7063

Un'escursione a metà

0.0/5 di voti (0 voti)

Era da un po' di tempo che volevo vedere come è la Val Travenanzes, così con l'idea di salire al Rifugio Lagazuoi intendiamo completare il giro del Gran Lagazuoi per poi salire in rifugio, cogliendo anche l'occasione per vedere il luogo del prossimo Star Party.

Così, consultate le previsioni meteo che danno bel tempo sulle Dolomiti nord occidentali, tentiamo per il posto che dovrebbe essere, ben soleggiato, previsione che si rivelerà azzeccata in pieno, complimenti all'ARPAV! Questa volta siamo io e Paola, che finalmente dopo qualche anno di assenza, si è decisa ad indossare di nuovo i scarponi e fare fatica. La partenza del trekking è al Passo Falzarego, si segue il facile sentiero CAI 402 che passa sopra alla pista da sci e porta fino in Forcella Travenanzes. La zona è intrisa di residui bellici della prima guerra mondiale, che qui era linea di confine e teatro di sanguinose battaglie. Dalla forcella si apre un bellissimo panorama sulle Tofane, sulla sinistra fa bella mostra di se il Rif. Lagazuoi e la stazione di arrivo della seggiovia. Il tempo regge alla grande, così decidiamo per l'anello programmato in partenza, si procede sulla parte alta della Val Travenanzes, con ancora qualche chiazza di neve, puntiamo alla Forcella Gasser Depot che ci consente l'accesso  ai Ciadin de Lagazuoi. In questa valle iniziano i primi problemi, c'è ancora molta neve, tanto che in alcuni punti dobbiamo lasciare il sentiero per evitare le varie chiazze, anche perchè la neve è molla e si sprofonda fino al ginocchio. Comunque con un po' di fatica raggiungiamo la Gran Forcela, e poco dopo il Bivacco della Chiesa, che sulle nuove mappe Tabacco non è segnato, ma c'è ancora... Purtroppo al bivacco la neve è ancora più alta, si fa fatica ad avanzare ed è difficile capire da che parte scende il sentiero 20b. Fino ad ora non abbiamo incrociato nessuno, e un motivo evidentemente c'era. Così decidiamo di tornare indietro fino in Forcella Travenanzes e proseguire da qui per il Rifugio Lagazuoi, che raggiungiamo risalendo la pista da sci. Panorama stupendo in cima, ci eravamo stati un bel po' di anni fa. Fa un po' di impressione vedere le signore con le scarpette col tacco quassù, mentre noi ci siamo fatti la bella sfacchinata per guadagnarci il rifugio. Comunque dopo una bella pausa veramente panoramica, scendiamo per le Gallerie del Lagazuoi, queste sono veramente magnifiche e alla portata di tutti gli escursionisti con un po' di esperienza, caschetto e lampada frontale obbligatorie. Fa molta impressione vedere il lavoro che è stato fatto da questi uomini durante la prima guerra mondiale, tenendo poi conto dei mezzi che avevano a disposizione, ottimo anche il lavoro di mantenimento, con un percorso ben segnato e con un comodo cavetto di sicurezzaa per tutta la galleria. Qualche finestra di tanto in tanto apre degli scorci bellissimi e vertiginosi, sulle Tofane o sul Passo Falzarego. Abbiamo fatto bene a percorrerle in discesa, anche perche in salita ci si può godere meglio lo splendido paesaggio che solo le Dolomiti sanno regalare. All'uscita ci si riconguinge con il sentiero CAI 402 che percorriamo con calma godendoci il bel tempo.

Per me è un arrivederci a questi luoghi tra 2 settimane per lo Star Party, sperando cha anche per quella volta il tempo ci assista!

Autore

Omar Cauz

Commenti (0)

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.