Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Forcella (Passo) del Cristallo 2808m

  • Stagione Consigliata: Inverno Primavera
  • Dislivello: 1300
  • Difficolta': MSA
  • Mappa tabacco: 03
Forcella (Passo) del Cristallo 2808m
  • Punti di appoggio: nessuno
  • Periodo: aprile 2011
  • Partenza: Ponte della Marogna (1476m)
  • Acqua: torrente in Val Fonda

 

La Forcella del Cristallo racchiusa tra il Piz Popena e il Monte Cristallo, offre uno dei più belli itinerari di scialpinismo, l'itinerario è facile e molto frequentato, e il canalino centrale offre un pizzico di adrenalina in più. Necessari picozza e ramponi per il tratto nel canalino.

RELAZIONE:

 

Da Cortina si prosegue in direzione di Dobbiaco, oltrepassando il Lago di Misurina, prendiamo a scendere lungo la SS48, e in prossimità del Ponte de la Marogna possiamo parcheggiare l'auto.

Dal Ponte de la Marogna prendiamo a salire l'ampio e invitante greto del torrente, seguendo un percorso non obbligato, sino a quando la Val Fonda va a formare uno stretto canyon. Si prosegue sul fondo della valle, sino a quando questa si apre nuovamente a ventaglio mostrando le pareti settentrionali del Monte Cristallo. Ci troviamo ora di fronte a delle ripide pareti che vengono però solcate da un canalino ben visibile, e che andremo ad imboccare spostandoci sulla sinistra. In questo breve tratto si prosegue con sci in spalla e se necessario con ramponi e picozza. All'uscita dal canalino troviamo ben visibile l'ampia conca glaciale che scende dalla Forcella del Cristallo. Proseguiamo verso sud e con ampie diagonali andiamo a risalire il pendio sino alla meta. Da qui possiamo affaciarci al ripido pendio che scende al Passo Tre Croci.

Per il ritorno si segue a ritroso il percorso dell'andata, i pendii, mai troppo impegnativi offrono una sciata sempre piacevole. Bisogna fare attenzione in caso di nebbia ad imboccare con precisione il canalino durante il rientro.

Leave a comment

You are commenting as guest.