• Stagione consigliata: Estate
  • Dislivello: 1300
  • Difficolta': EE
  • Mappa tabacco: 03
Croda dal Becco (2810m) da Ra Stua
  • Punti di appoggio: Rifugio Biella- Rifugio Sennes
  • Periodo: Ottobre 2008
  • Partenza: Ra Stua (1668m)
  • Acqua: sorgente lungo la strada iniziale.

 

Una delle vette che fanno da corollario all'altipiano di Sennes, uno dei luoghi più suggestivi delle Dolomiti, si specchia a nord sul bellissimo lago di Braies. Bellissimo itinerario, molto faticoso sopratutto per il dislivello. C'è un corrimano lungo la salita alla Croda dal Becco, ma serve solamente a dare sicurezza, il sentiero non è mai esposto. Il tratto dal lago di Foses al Rifugio Biella non ben segnato, ed in caso di nebbia potrebbero esserci dei problemi di orientemento.

RELAZIONE:

 

Da Podestagno si prende la ripida stradina che sale sino a Ra Stua dove su comodo parcheggio è possibile lasciare l'auto. Questo tratto di strada è raggiungibile con mezzi propri da metà luglio a metà settembre circa e comunque in tale periodo è anche attivo un servizio navetta.

Da Ra stua si prende la strada sterrata che sale con leggera pendenza sino a raggiungere il pianoro denominato Ciampo de Crosc, da qui si  svolta a destra seguendo le indicazioni per il sentiero CAI 26, in direzione delle Crepe De Socroda,  il sentiero (mantenuto ottimamente) dopo un primo tratto di prato si infila nel bosco dove la pendenza aumenta improvvisamente. A quota circa 1790m si svolta dolcemente verso n-e e da qui si inizia già a godere di un ottimo panorama su tutta la valle , dal Monte Sella di Sennes, alle Tofane. Acquistando quota, la vegetazione di pino mugo cede sempre spazi maggiori ai prati, e la pendenza arrivati alla parte superiore della valle inizia a diminuire sino ad addentrarci nell'altipiano superiore. Da qui dopo aver aggirato una conca, si riprende a salire con alcuni tornanti sino a raggiungere la Crosc del Grisc (2188m splendida vista sulla Croda Rossa). Il sentiero ora procede in saliscendi, passa tenendosi su un livello più alto, accanto al lago di Remeda Rossa per poi sbucare sul pianoro del Lago di Fosses sulle cui acque si specchia in lontananza la Croda dal Becco.  Aggirandolo si procede tenendo quest'ultima curvando leggermente a destra si riprende a salire sino a svoltare decisamente a sinistra. Il sentiero in questo tratto è sempre ben tracciato, ma il fondo di roccette affiornanti è molto stancante e conduce al rifugio Biella (2327m). Si prende ora il sentiero sul retro del rifugio, sino alle pendici della Croda dal Becco, da qui la pendenza aumenta in modo considerevole, si sale con dei stretti tornanti sino a raggiungere un tratto di circa 50m con maggiore pendenza affiancato da un corrimano. Superato questo,  seguendo una delle varie tracce si giunge con pendenza via via decrescente in Vetta. Splendida la vista sulle vette dell'altipiano, nonchè più in lontananza sul lato settentrionale delle  tre cime di Lavaredo e proprio sotto di noi sul lago di Braies.

Per la discesa si segue il percorso dell'andata sino al Rifugio Biella,  da quest'ultimo scendere lungo la stradina (lasciando sulla sinistra il bivacco invernale) sino ad incrociare le indicazioni per il Rifugio Sennes (sent. CAI 6) che dopo un breve tratto in salita prosegue su facile saliscendi sino a raggiungerlo. Per arrivare al punto della partenza si segue la comoda strada sterrata che porta sino a Ra Stua.

Omar Cauz

Commenti (3)

  • elio

    elio

    12 Giugno 2012 at 14:08 |
    Ciao, deve essere un bellissimo itinerario; ma pressapoco quanto tempo ci vuole per la salita e per il ritorno?
  • sentieridimontagna

    sentieridimontagna

    26 Giugno 2012 at 10:48 |
    Ciao scusa il ritardo,itinerario lunghissimo, metti in preventivo 8 ore. Meglio dormire al rif. Biella.
  • paolo52

    paolo52

    29 Ottobre 2013 at 11:12 |
    Ah, che ricordi. Tra l'latro il lago di Fosses ha una strana caratteristica: è monitorato come uno dei posti più freddi d'Italia, dato che si verifica una strana circolazione dell'aria, per cui quelal calda sale immediatamente. Comunque in giornata si fa, specie partendo da Ra Stua

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.