Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.cliccando su attiva cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Sentiero attrezzato Durissini Cadini Misurina

  • Stagione Consigliata: Estate
  • Dislivello: 900 1400
  • Difficolta': EEA
  • Mappa tabacco: 03
Sentiero attrezzato Durissini Cadini Misurina
  • Punti di appoggio: Rifugio Fonda Savio 2367m, Rifugio Città di Carpi 2310m
  • Periodo: agosto 2013
  • Partenza: quota 1810m strada tra Misurina e lago D'Antorno
  • Acqua: non disponibile 

6 sono le forcelle che abbiamo contato sul Sentiero Durissini, spettacolare percorso che consente di addentrarsi tra i Cadini di Misurina. Itinerario adatto ad escursionisti esperti, può essere utile il kit da ferrata sopratutto nel tratto per Forcella Verzi.

RELAZIONE:

Dopo essere giunti a Misurina, si procede in direzione del lago de Antorno, e in corrispondenza della strada forestale con segnavia CAI 115, indicazioni per il rifugio Fonda Savio lasciamo l'auto a bordo strada.

Si percorrre il primo tratto su strada forestale per poi proseguire su comodo sentiero che consente di risalire i pendii meridionali del Cadin dei Toci. A Quota 2100m si giunge sul grande catino glaciale, si passa accanto alla teleferica di servizio al rifugio e dopo un breve tratto piano si sale sempre su bel sentiero sino al Rifugio Fonda Savio (2367m).

Dal retro del rifugio si scende con un tratto in comune al Sentiero Bonacossa, sul Cadin del Nevaio facendo uso di alcune corde fisse, e raggiunto il fondo, si prosegue sulla destra in direzione dell'evidente Forcella della Torre, risalendo dapprima alcune facile roccette, poi con l'aiuto di alcune corde in acciaio per un breve tratto esposto in discesa che da accesso alla prima forcella del giro (2400m Forcella della Torre). Veloce discesa con ripidi tornanti, che porta ad ammirare il Cadin Deserto, poi verso sud per risalire la seconda forcella del giro: Forcella Sabbiosa. Bisogna risalire un canale detritico aiutati nei punti più ostici da due scalette, alla sommità del canale, un breve traverso attrezzato conduce a Forcella Sabbiosa (2440m). Ulteriore discesa, sempre a zig zag e altra salita, più facile, per Forcella Ciadin Deserto (2400m) e subito dopo a questa sino a Forcella Cristina. Ci aspetta ora la più lunga discesa del giro che porta a raggiungere il grande vallone del Cadin di Maraia. A questo punto si può scegliere se raggiungere il Rifugio Città di Carpi (itinerario da 1400m di dislivello totali) e poi risalire sino a qui, oppure proseguire già ora verso Forcella Verzi, per l'itinerario classico (900m di dislivello totali). Risalendo il Cadin di Maraia, a quota circa 1700m si abbandonano le indicazioni per Forcella della Neve, svoltando decisamente a destra, per poi riportarsi a ridosso del canalino che scende dalla forcella, abbiamo innanzi a noi il tratto più impegnativo del sentiero Durissini, dove grazie ad alcune scale fisse guadagnamo velocemente quota. Un ultimo tratto con due scalette in sucessione, porta ad un breve traveso e quindi a Forcella Verzi (2550m). Dalla forcella si scende per qualche metro seguendo la traccia verso destra per un breve traverso e poi di nuovo tra roccette sino a Forcella del Nevaio (2620m) punto più alto del giro. Appena a sinistra della forcella si segue la traccia che con alcuni cavi in acciaio e una scaletta finale, conduce al nevaio e da questo per il sentiero CAI 116 sino al Rifugio Fonda Savio.

Da qui sino al punto di partenza per lo stesso itinerario dell'andata.

 

Leave a comment

You are commenting as guest.