• Stagione consigliata: Estate
  • Dislivello: 900
  • Difficolta': EEA
  • Mappa tabacco: 01
Sentiero Spinotti
  • Punti di Appoggio: Rifugio Lambertenghi-Romanin (1977m) Rifugio Marinelli (2120m).
  • Periodo: Luglio 2012.
  • Acqua: Sorgente prima del Rifugio Lambertenghi-Romanin.

il Sentiero Spinotti è uno spettacolare itinerario attrezzato in alta montagna che consente di attraversare i scoscesi pendii sud del Monte Coglians e collega il Rifugio Lambertenghi-Romanin al Rifugio Marinelli. Consigliabile l'uso dell'imbrago. Itinerario ideale per iniziare a fare pratica sui tratti esposti.

 

RELAZIONE:

Da Forni Avoltri si risale sino al Rifugio Tolazzi posto a circa 2Km dal piccolo paese di Collina, sul parcheggio del rifugio o ai lati della strada di arrivo è possibile parcheggiare comodamente l'auto.

Si inizia a risalire la stradina dietro al rifugio, e al bivio si prende a sinistra seguendo le indicazioni per il Rifugio Lambertenghi e il Lago Volaia, dopo alcuni tornanti si può abbandonare la strada in favore del più veloce sentiero lungo il versante sud-est del Monte Coglians, sino ad attraversare il greto di un torrente, per reimmeterci nuovamente sulla parte terminale della rotabile (altitudine 1650m). In breve tempo continuando la salita su comodo sentiero e lasciando a sinistra i ruderi di baraccamenti della Ia guerra mondiale raggiungiamo il Rifugio Lambertenghi-Romanin, da qui al Passo Volaia manca solamente qualche metro di dislivello e il panorama che si apre verso il lago e il Rauchkofel sul versante austriaco è magnifico. Dal Passo Volaia si ridiscende in territorio itialiano tenendosi alla sinistra del rifugio e seguendo il sentiero più alto e parallelo a quello di salita, la traccia prende a scendere più decisamente con dei corti tornanti e poi piega verso sinistra, per poi portarsi all'attacco del Sentiero Spinotti. Il primo tratto è costituito da un camino il cui superamento è agevolato da una scaletta, poi si raggiunge dopo una svolta a sinistra, uno spigolo leggermente esposto, dove ci sono due corrimani di sicurezza, che consente l'accesso ad alcune cenge e gradoni. Tutto il percorso è ben segnato ed assicurato da fittoni metallici, il panorama inizia ad essere grandioso. Dopo aver aggirato la testa di un canalone inizia un bel tratto con dei facili e brevi tornanti, che consentono di risalire su di una piccola cresta con vista panoramica sul parcheggio del Rifugio Tolazzi. Ci addentriamo ora in un piccolo vallone detritico, sino ad un passaggio agevolato da alcuni scalini in legno, poi proseguendo a destra raggiungiamo con l'ultimo tratto in forte salita, il Coston del Stella.  Da questo punto inizia un lungo tratto fatto di saliscendi, passando dapprima su un prato ingombro di massi, per poi entrare nel Vallone del Ploto ed incrociando la via normale per il Monte Coglians. Si prosegue sempre verso Est, in discesa, per poi, superato un utleriore vallone riprendere la salita sotto al Pic Ciadin, superato l'ultimo crinale siamo in vista della strada che sale dal Rifugio Tolazzi, e mantenendosi in quota, in breve raggiungiamo il Rifugio Marinelli

Per il ritorno, si può scegliere il più veloce sentiero che porta a Casera Moraret, o se si vuole gustare il panorama, la facile strada rotabile, sino al Rifugio Tolazzi.

 

 

Omar Cauz

Commenti (1)

  • Paola

    Paola

    19 Novembre 2012 at 21:15 |
    Un giro molto bello il top per gli "amanti del panorama" e dopo "tanta fatica" si arriva al rifugio Marinelli con i suoi succulenti piatti e le loro deliziose grappette!

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.